Contattaci
per pubblicare con noi
o per chiederci informazioni 
 Via San Remigio, 33
CAP . 20090
Vimodrone
Telefono: 0283485837
  • Facebook - Black Circle
  • Instagram - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • Black YouTube Icon

© 2016 by LA STRADA PER BABILONIA - P.Iva 03855640615

Un battito negli abissi di Antonella Tafanelli

Protagoniste assolute di questo libro sono la speranza e la voglia di ricominciare.  Margherita subisce violenze fisiche e psicologiche, un amore malato, a causa del quale si annulla completamente.  Grazie alla sua forza, alla vicinanza dei suoi amici e della sua famiglia comincia a riemergere dagli abissi, ma ci sono ferite profonde, difficili da rimarginare.  Nella sua vita entrerà però una persona, che cercherà di scavalcare quei muri che Margherita ha edificato.  Dovrà scontrarsi con i fantasmi del suo passato, con le sue paure, e con la sua voglia di indipendenza. Un romanzo di speranza, di grinta nei confronti della vita, un romanzo che mette in luce la violenza domestica e vuole dire basta. 

Formato 13 x 20 cm, con alette - pagine 118

ISBN: 9788894822014

Prezzo: 10,00 €

Rassegna stampa​​​

 

La voce di San Severo del 29 ottobre 2016

La Gazzetta di San Severo del 29 ottobre 2016

Destinazione Libri del 2 novembre 2016

Cultura al femminile del 3 novembre 2016

Blog di Melania Mieli del 16 novembre 2016

Quotidiano "L'attacco" del 16 novembre

Destinazione Libri del 18 novembre 2016

Fidelity House del 27 novembre 2016

Leggere/recensire del 21 dicembre 2016

Liberi libri e non solo del 28 dicembre 2016

Cedro speziato del 10 gennaio 2016

Letteral'mente del 20 gennaio 2017

Foggia ZON del 22 gennaio 2017

Telenorba del 26 gennaio 2017

LPL News 24 del 1 febbraio 2017

San Giovanni Rotondo Net del 27 febbraio 2017

Chicchi di pensieri del 2 marzo 2017

Queen of Fallen Angels del 3 marzo 2017

GrigioMalva del 4 marzo 2017

My Strange Melting Pot del 6 marzo 2017

The book of writer del 28 marzo 2017

Il modo di sopra del 25 maggio 2017

Periodico daily del 10 agosto 2017

L'autrice Antonella Tafanelli

Nasce a Bari nel 1978 e vive a San Severo (FG). Conseguita la Licenza Classica, inizia l'università di Lettere e Filosofia a Bari, ma dopo qualche anno lascia per iniziare a lavorare nel settore immobiliare e catastale.

Fin da piccola ha sempre avuto una spiccata passione per la lettura, tanto che a soli 4 anni sapeva già leggere e scrivere.

La sua profonda sensibilità, l'ha portata a avvicinarsi facilmente alle problematiche altrui e alle arti, come la pittura, il cinema e il teatro. 

Intervista per Radio Senise Centrale - Antonella Tafanelli
00:00 / 00:00
Intervista a Antonella Tafanelli
  • Ciao Antonella, prima di tutto ti chiedo forse la cosa più difficile: raccontaci di te. Cosa fai?

Ciao Alessandra, non credo sia difficile parlare di sé. Io nella vita cerco di esserci sia per la famiglia e che per gli amici, ma soprattutto nel mio lavoro, che amo per il contatto con la gente. Sono segretaria contabile per una società di servizi immobiliari e catastali.

  • Cosa ti ha spinto a dire: ci provo anche io?

Devo essere sincera, sono stata spinta come per un salto nel buio dai miei amici più stretti, che mi hanno sempre spronato a scrivere credendo in me, fino al giorno in cui ho iniziato a crederci anche io.

  • "Un battito negli abissi"  è il titolo del tuo libro, di cosa parla?

Il mio è un libro che nasce da un'attenta osservazione ai fatti di cronaca femminili del momento, che ci vengono serviti ogni giorno nei telegiornali. Come donna mi sono sentita molto chiamata in causa, essendo una persona molto sensibile, fin quando nella mia mente è nata una storia di speranza. Mi sono sentita in dovere di dimostrare la forza che può avere una donna nel sopportare, e soprattutto nel rinascere dopo essersi ribellata. Proprio per questo si chiama “Un battito negli abissi”, perché si può continuare a vivere anche quando tocchi il fondo, anche quando credi non ci sia un domani. Volevo che ogni donna potesse, attraverso questo libro, comprendere che si può avere sempre una seconda possibilità.

  • Un libro forte, che denuncia e racconta situazioni che moltissime donne vivono, eppure sei riuscita a farlo dando speranza, mantenendo come punto fondamentale l’amore. Il tuo quindi è un modo per dire: non arrendetevi, potete farcela?

Sì esatto. Trovo che spesso in amore si arriva a concedere tutto di sé, anche la dignità personale. Ed è proprio in quel momento che spesso si finisce per non essere più un essere umano da rispettare, ma solo un oggetto di proprietà senza un anima, di cui fare e disfare a piacimento. Volevo che il lettore vedesse la soluzione, una nuova chiave non solo di lettura, ma di reazione, proprio attraverso l’aiuto di un uomo sconosciuto.

  • Qual è stata la parte più emozionante mentre scrivevi il tuo libro?

Veramente per me le parti più emozionanti sono due, la prima è proprio nel mio descrivere minuziosamente le riflessioni che può fare una donna durante il pestaggio di un uomo che ama e con il quale aveva iniziato a costruire solide fondamenta per il futuro. Il secondo è quando si può incontrare qualcuno che ti ama con tutti i tuoi ieri, con le paure dei tuoi oggi e con il coraggio di regalarti i tuoi domani più sereni.

  • Quanto c’è di te in questo romanzo? (non voglio sapere se è una storia vera.)

Questo romanzo è frutto di riflessioni, per cui non è una storia vera o almeno non è la mia, ma sicuramente è la storia  di molte donne nel mondo. Di me c’è tutto il lato femminile e la solidarietà che ogni donna dovrebbe avere verso un'altra in difficoltà. Sono del parere che quanto accade ancora oggi alle soglie del 2017, sia frutto dell’indifferenza e omertà che uccide più di un qualsiasi colpo di mano o di arma da fuoco.

  • Perché leggere "Un battito negli abissi"?

Il mio libro per me ha lo stesso sapore che si prova nel bere un bicchiere di acqua fresca in un giorno accaldato. Può essere una bevanda semplice, ma al tempo stesso rinfresca portando sollievo e serenità. Per me "Un battito negli abissi" è un grido silenzioso di ogni donna che non può o non trova la forza di denunciare; è il riscatto di alcuni uomini che dimostrano di non essere tutti uguali; è la narrazione semplice di un sentimento costruito su valori veri e profondi, come radici nell’animo umano, alimentandone l’albero dell’amore.

  • Grazie Antonella per aver deciso di pubblicare con La strada per Babilonia edizioni.

Grazie a voi per questa possibilità. 

Cosa dice l'autrice su La strada per Babilonia​​​

 

La casa editrice è nuova, ed è specifica per gli autori emergenti, oltre che ad essere attenta alle esigenze del lettore, è attenta anche alle esigenze di noi autori. Sono diventati piano piano per me, non solo una guida in un mondo tutto nuovo, ma anche confidenti e amici, seguendo il mio percorso in modo professionale e appassionando me al mio stesso romanzo partorito.La loro trasparenza e integrità mi ha riempito il cuore, mi ha dato la speranza che si può essere apprezzati per il proprio estro in modo meritocratico.La casa editrice ” La strada per Babilonia” è per me diventata la mia casa, dove mi sento in una famiglia di professionisti e amici, mi piace definirla con questa frase : “Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile.”

Il 23 novembre 2016 "Un battito negli abissi" è stato presentato a Napoli nel calendario delle manifestazioni indette dal comune nella rassegna contro la violenza sulle donne.
Il libro è stato poi presentato alla Camera dei deputati, attirando grande attenzione mediatica.